4 _ Notizia

Il nuovo indirizzo professionale del Bramante-Genga

IL BRAMANTE GENGA PRESENTA AL MONDO DELL’IMPRESA IL SUO NUOVO INDIRIZZO PROFESSIONALE:

“INDUSTRIA E ARTIGIANATO PER IL MADE IN ITALY”, SETTORE LEGNO – ARREDO

Fino ad oggi, l’offerta formativa dell’ITET Bramante Genga di Pesaro offriva due istituti tecnici, uno del settore economico, il Bramante, l’altro del settore tecnologico, il Genga, entrambi in grado di preparare giovani con competenze spendibili immediatamente nel mondo del lavoro,  offrendo al tempo stesso una formazione che consente di proseguire gli studi, universitari  o di specializzazione, con ottimi risultati.

Dall’a.s 2019/’20 l’offerta formativa del nostro istituto, si amplia con l’attivazione di un nuovo  indirizzo professionale :

 “Industria e Artigianato per lo sviluppo del Made in Italy, settore Legno-Arredo .

Una proposta per riavvicinare i giovani alle professioni del territorio e rispondere al fabbisogno occupazionale e per offrire la possibilità di percorsi di riorientamento a contrasto della dispersione scolastica.

Un profilo didattico inedito, un’assoluta novità per il nostro territorio che da tempo manifestava l’esigenza di rinnovarsi introducendo figure professionali caratterizzate da buone  competenze di base, non solo cognitive, ma anche operative  oltre che  di cittadinanza,   in grado di competere attraverso la cultura della qualità e dell’innovazione.

 

L’indirizzo professionale proposto dal nostro istituto è adatto per chi vuole usare la creatività della mente e l’intelligenza delle mani; si rivolge pertanto a quegli studenti con attitudine più all’applicazione diretta delle conoscenze, che alla elaborazione di tecniche articolate.

L’attenzione è rivolta ai processi di lavorazione, assemblaggio e commercializzazione di prodotti industriali e artigianali.

Creatività e spirito imprenditoriale saranno le soft skills intono alle quali si incentreranno i percorsi formativi dell’Istituto professionale.

Si prevede una qualifica professionale già al termine del primo triennio, con la possibilità di completare gli studi con la qualifica quadriennale e con il diploma al termine del quinquennio.

Il diploma quinquennale consente poi l’iscrizione a qualsiasi corso di laurea o a corsi post diploma di durata annuale (IFTS) o biennale (ITS) che favoriscono l’inserimento nel modo del lavoro.

Il corso intende dunque promuovere con decisione la Cultura del fare e, per raggiungere questo scopo, viene  sviluppata la dimensione laboratoriale già dal biennio. Vi è poi una specializzazione dei laboratori nei settori del design, del legno, della produzione di oggetti attraverso la stampa 3D.

Un ragazzo che deve scegliere la scuola superiore, può pertanto guardare a questa scelta, contando su  ottime prospettive lavorative, ma allo stesso tempo avere l’opportunità  di ottenere un diploma che consenta di proseguire gli studi universitari.

Il diplomato può inserirsi nel mondo del lavoro in aziende settore legno, imprese di costruzioni edili in legno, carpenterie, studi di progettazione, falegnamerie, anche come operaio specializzato per macchine a CNC, o  tecnico commerciale con competenze di marketing.

Perseguiamo una formazione misurata dunque sulle esigenze professionali del territorio e che favorisca l’incontro tra la domanda e l’offerta del mondo del lavoro.

 

Nel servizio di Tv Rossini si possono ascoltare le interviste ai rappresentanti di Confartigianato, Confindustria e Cosmob presenti all’incontro di sabato 22 dicembre.